Tempo di lettura: 2 minuti

"elita"Elita, Wild in the City è decisamente uno dei festival più interessanti che il 2011 ci offre. Non per niente trova la sua collocazione in concomitanza con un altro evento molto importante che tocca il capoluogo lombardo, il “Salone del mobile”.
Sarà un “fuori salone” a dir poco straordinario, quello che il festival ci proporrà, tra serate di musica elettronica con i dj più importanti del panorama internazionale, concerti, conferenze, esposizioni e workshop tra musica, design, arte contemporanea e nuovi linguaggi, tutto questo convogliato in un unico messaggio, che sembra essere il “leitmotiv” del festival: riscoprire la nostra parte selvaggia!
Dal 13 al 17 Aprile non vi resta che seguire con attenzione tutti gli appuntamenti che il festival propone, e come nelle edizioni precedenti, anche nel 2011 l’Elita si presenta nel suo doppio formato: il prestigioso “headquarter”, situato ad hoc al Teatro Franco Parenti, sito nelle zone più creative della città, porta Romana. Il teatro si presenta più ricco di contenuti, con interventi scenografici di Duilio Forte, artista e architetto italo-svedese, laureatosi proprio a Milano,già protagonista di mostre a livello internazionale, eccentrico protagonista della rivoluzione naturalista dell’architettura e del design contemporanei.
E ancora, la nuovissima area wellness e l’appuntamento quotidiano con i più grandi chef della “Food Parade”. Ad arricchire il tutto ci hanno pensato anche alcuni tra i locali più “cool” della città, tra i quali: Codice a barre, La Casa 139, Magazzini Generali, Peep Show/Queen, Killer Plastic, Rocket, San Vittore, Rock’n’roll, Tunnel, Live Club. La serata da non perdere assolutamente è quella che l’Elita offre a tutti gli amanti della elettronica. Direttamente dalla Berlino che conta, il dj e producer Paul Kalkbrenner, che molti ricorderanno nel film cult, "Berlin Calling", si esibirà in una performance esplosiva, mixando come solo lui sa fare in questo momento al Live Club, Trezzo sull’Adda.

Alcuni fra gli artisti coinvolti: Paul Kalkbrenner, Carl Craig, Seth Troxler, The Battles, Dan Deacon, Henrik Schwarz, Soul Clap & Wolf+Lamb, Is Tropical, Gold Panda, Hauscka, Passarella Death Squad, Art Department, Falty DL.Kode9, Space Ape, dop, Andy Votel.

"elita"Insomma un festival non come se ne vedono in giro, un festival che si muove come sempre sulle tracce delle estetiche urbane contemporanee. L’uomo, alle prese con un futuro da modellare su nuovi parametri – scarsità di risorse naturali, dissolvimento dei confini geografici, egemonia della Rete – ha la possibilità di vivere fuori dagli schemi sociali massificanti tipici dell’ultimo secolo. Sinora riservato ad una cerchia ristretta di bohemien, il protagonismo senza limiti di ogni singolo individuo si traduce in un allargamento senza precedenti delle possibili forme di interazione sociale e tutto questo accade nei sempre più affollati contesti metropolitani.
A questo punto non mi resta che darvi appuntamento all’Elita, sarà che le temperature si sono alzate, facendo risvegliare in noi quello spirito un po’ “selvaggio” che il lungo inverno aveva messo in letargo, non per niente la domanda che vi poniamo è: How wild are you?

Info: www.elitamilano.org