Tempo di lettura: 2 minuti

 "Bancale"
ecco la tua frontiera: / al di qua il nulla, al di là ancora.
C’è una Fine per tutto ed ogni Fine è una Frontiera. Il primo disco sulla lunga distanza dei Bancale – coprodotto da una triade di etichette formata da Ribéss Records, Fumaio Records e Palustre Records con distribuzione Audioglobe – ruota attorno alla consapevolezza e al senso della Fine intesa come passaggio biologico, esistenziale, ma anche sociale e politico nel Tempo, e del Tempo, che stiamo vivendo.

Non una dichiarazione di resa pessimista e apocalittica allo stato delle cose, ma la possibilità di una conoscenza della propria condizione umana, primo passo verso una reazione che trova nella lucidità il proprio punto di forza e resistenza.
Registrato da Fabio Intraina e Xabier Iriondo presso il Tray Studio di Inzago (MI) nel novembre 2010, Frontiera vede i Bancale alle prese con un lavoro di riscrittura personale di diversi generi. Alcuni di essi erano già presenti nel precedente “Bancale ep” del 2009 (su tutti il noise accentuato di Megattera e il blues: qui virato soul in Calolzio e immerso dentro atmosfere fortemente ambientali in Lago del tempo). Altri sono del tutto nuovi, a partire dal folk di Randagio e Un paese passando per il post-punk di Corpo e lo stoner di Catrame per arrivare allo slow-core della title-track e di Cavalli. Invece a livello di songwriting i Bancale provano per la prima volta, con Suonatore Cielo, a scrivere una ballata (con tanto di ritornello cantato) nel senso più classico del termine.

Tante dunque le evoluzioni, in primis di suono, che si accompagnano ad un allargamento della gamma strumentale e coloristica. Oltre al connubio di chitarra-batteria-lamiere-voce Frontiera vede anche il coinvolgimento di parti elettroniche e di un harmonium elettrico, mentre per quanto riguarda i colori è fondamentale l’apporto come produttore di Xabier Iriondo.
L’ex Afterhours (oggi Uncode Duello, The Shipwreck Bag Show, NoGuru), oltre ad intervenire in prima persona con chitarre ed inserti elettronici, ha saputo dare alle dieci canzoni di Frontiera un’ampia varietà di sfumature sia in fase di registrazione sia utilizzando fra le altre cose dei pedali di propria produzione in fase di mix.
Frontiera sarà nei negozi a partire dai primi giorni di aprile.
Ad accompagnare l’uscita del disco anche un videoclip della title-track girato in India da Alberto Valtellina.