Tempo di lettura: 2 minuti

"badCi Siamo! Anche quest’anno, dopo il successo delle prime quattro edizioni, in mille città e luoghi d’Italia, sabato 5 marzo 2011, si celebrerà la Giornata nazionale del B&B. L’occasione sembra giusta: primo week-end della primavera meteorologica, che potrebbe regalarci anche quest’anno un clima più mite rispetto a questo freddo e piovoso inverno.

Un’iniziativa che vedrà coinvolte circa 1900 strutture italiane, pari al 20% di quelle che fanno parte dello stesso circuito bed-and-breakfast-it , pronte a concedere la notte del 5 marzo gratis a quanti vorranno trascorrere un weekend all’insegna dell’ospitalità familiare, ospitalità che ha conquistato, in pochi anni, il cuore e la mente del viaggiatore-turista più consapevole e informato. Una rete di microattività turistiche che, diffusa capillarmente su tutto il territorio della penisola, può interpretare un bisogno, diverso e più personale, di viaggiare e risiedere in Italia, contando anche su una bella novità innescata con il B&B Day: il Decalogo dei B&B italiani, le dieci regole d’oro che i gestori aderenti alla manifestazione si impegnano a seguire per assicurare ai loro clienti un profilo qualitativo più alto e differenziato. Oltre alla notte gratuita, le notti a pagamento invece saranno disponibili ai prezzi minimi stagionali.

Negli ultimi cinque anni il numero dei B&B è cresciuto grazie a moltissime famiglie che hanno scelto di attrezzare e aprire la propria casa ai viaggiatori, investendo sul decoro delle proprie abitazioni e sulla loro funzionalità.

Una carta vincente che produce ricchezza, che aiuta a mantenere i centri storici e che dà lavoro a decine di migliaia di persone.

Le ragioni di questo successo sono diverse e sono state oggetto di una specifica ricerca statistica, condotta in occasione del primo B&B Day, su un campione di circa 2500 B&B, diffusi su tutto il territorio nazionale. Il sondaggio e lo studio statistico costituiscono la fotografia più aggiornata di questa particolare modalità di soggiorno in Italia. L’ultima indagine disponibile era quella del Touring Club condotta nel 2003.

In occasione del quinto B&B Day tale ricerca verrà aggiornata e presentata alla stampa.

Sul sito www.bbday.it sono più di 100.000 i visitatori  e più di 7000 sono i fan su Facebook.
La regione più richiesta è la Toscana, che deve il suo successo alla sua fama di culla dell’arte e la città più scelta è ovviamente Firenze.

Come funziona? E’ semplicissimo.

Scegliete uno dei tanti Bed&Breakfast che aderiscono all’iniziativa dal sito www.bed-and-breakfast.it (il più importante e diffuso portale turistico specializzato nell’ospitalità extra-alberghiera); e prenotate per un minimo di 2 notti (una delle quali dev’essere sabato 5 Marzo). Quindi, per essere ancora più chiari, se prenotate le notti di sabato e domenica, la prima sarà gratis e pagherete solo la seconda; se invece prenotate le notti di venerdì e sabato, pagherete la prima e la seconda sarà gratis.

Più semplice di cosi!? Io ho partecipato nel 2008, scegliendo come meta la provincia di Siena, ed è stata una piacevolissima esperienza… e molto economica! Mi raccomando! Non aspettate troppo a prenotare perché le strutture migliori (o le località più ambite) saranno prese d’assalto. Ogni occasione è buona per partire…e allora viaaa!!