Tempo di lettura: 2 minuti

"DanielDaniel Hirts sbarca finalmente in Italia, precisamente a Firenze. In questi giorni, infatti, e fino a maggio 2011 l’artista contemporaneo, originario di Leeds, espone a Palazzo Vecchio uno delle sue principali opere: il teschio umano tempestato di diamanti (In the love of God).
Trattasi di un vero teschio umano, appartenuto ad un giovane del ‘700 e interamente rivestito di 8.604 diamanti purissimi, per un totale di oltre 1.106 carati.
Damien Hirts non è nuovo a simili performace: già in precedenza aveva fatto parlare di se con alcune opere " estreme" come ad esempio " lo squalo immerso nella formalina". Follia, estremismo concettuale, messaggio subliminale sono solo alcune delle molteplici sfaccettature delle sue opere. Il teschio si trova esattamente in una stanza completamente buia, nella quale spicca prepotente il luminosissimo teschio. Al centro della fronte un enorme diamante colorato (cioè un Fancy Color di colore rosa). Il calco è di platino ed il teschio sembra sorridire a quanti avranno modo di osservarlo da vicino. Bello e tentatore. Il messaggio è chiarissimo: se la morte fa paura, presentiamola in modo diverso, quasi burlesco. Potere, denaro, ricchezza concentrati in un’unica opera che ci sorride e ci guarda. L’impatto visivo è fenomenale. Si entra nella stanza buoia e si vede solamente il teschio scintillante, illuminato da una potente luce.
La morte che si prende gioco di noi!
Questa opera è stata con successo presentata sia al White Cube di Londra che al Museo Rijksmuseum di Amsterdam.
Un evento che ha attirato oltre 250.000 visitatori. Un boom di presente che ha inorgoglito Hirts, da tutti ritento l’artista contemporaneo di maggior successo. Generalmente Hirst predilige location minimaliste, scarne e prive di fronzoli ma per il debutto italiano ha preferito l’accostamento alla storia dell’arte In un’intervista rilasciata ad un giornalista che chiedeva se per capire le sue opere occorreva uno spirito critico o essere solamente un suo fan sfegatato,l’artista anglosassone avrebbe detto: "Elvis Presley ha realizzato tanti soldi sia dalle t-shirts con su scritto "Amo Elvis" sia con quelle la cui scritta recava "Odio Elvis" e questa idea mi è sempre piaciuta".