Tempo di lettura: 2 minuti

"olio"In occasione della decima edizione, la Guida agli Extravergini 2010 rinnova la veste grafica e introduce interessanti novità per presentare il meglio della produzione olearia nazionale. Oltre cento esperti Slow Food hanno setacciato la penisola alla ricerca delle eccellenze della produzione mediterranea più caratteristica. Hanno assaggiato e valutato circa duemila oli per poi descriverne 984 in guida, per un totale di 706 aziende selezionate.

Diego Soracco, curatore della Guida, conferma il grande sforzo delle aziende per investire sulla qualità: «Cresce il numero di produttori convinti che il territorio e le cultivar che gli appartengono siano fondamentali per la personalità degli oli. Quest´anno, dal punto di vista quantitativo – spiega Soracco – la produzione è stata più contenuta, a causa soprattutto di degli eventi climatici poco favorevoli hanno condizionato la raccolta in alcune regioni: prima il gelo, e poi le piogge hanno colpito Liguria ed Emilia Romagna, mentre la Sicilia ha patito una stagione troppo secca. Ma nel complesso si è raggiunto un buon risultato dal punto di vista qualitativo, a riprova di come i bravi produttori riescano ormai a gestire anche il clima più bizzarro».

Una maestria confermata dall´aumento dei top oil: ben 60 prodotti, due in più dell´anno scorso, hanno guadagnato le Tre Olive, il massimo riconoscimento attribuito per segnalare la qualità assoluta.

Anche la Puglia ha sofferto dei capricci del tempo e ha registrato un calo produttivo del 10-15% rispetto allo scorso anno. Sono tre gli oli che hanno guadagnato le Tre Olive:

Olio Extravergine di Oliva Intini Affiorato Antico Frantoio Oleario Intini Pietro, Alberobello (Ba)
Olio Extravergine di Oliva Dop Terra di Bari Castel del Monte Uliveti Barbera Uliveti Barbera a Trani (Ba)
Olio Extravergine di Oliva Vetrere da Agricoltura Biologica Vetrere, Taranto

L´edizione 2010 apre con una novità: una pagina dedicata alle aziende più affidabili, fedeli al territorio e costanti nel raggiungere gli standard qualitativi, mentre le realtà che hanno raggiunto per 10 volte il massimo riconoscimento sono state premiate con la Ghirlanda d´Olivo. Inoltre, compare per la prima volta l´Oliva Sorridente il simbolo che contraddistingue gli Oli dell´Emozione, quelli che non presentano tutti i requisiti per raggiungere il vertice, ma hanno conquistato i degustatori per particolari pregi e originalità espressiva.

Articolata per regioni, ogni sezione della Guida è introdotta da dettagliate prefazioni in cui si descrivono l´andamento climatico dell´annata, le cultivar autoctone più importanti, le caratteristiche organolettiche degli extravergini, la storia dell´olivicoltura in ciascun territorio. Completano e arricchiscono il volume i dati statistici sulla produzione, qualche suggerimento su come degustare l´olio e un glossario delle parole chiave, utile guida per i meno esperti. Le indicazioni degli esperti sono inoltre arricchite dalle schede di ogni azienda.