Tempo di lettura: 3 minuti

"PaoloIl Rally Adriatico cade nella settimana dei festeggiamenti per i 200 anni di attività industriale di Peugeot, attività iniziata, infatti, nel 1810, con la trasformazione di un mulino di un piccolo paese francese in una fonderia.
In questi 200 anni Peugeot è cresciuta operando inizialmente in diversi settori produttivi, per poi dedicarsi nella seconda metà dell’Ottocento ai primi veicoli di mobilità individuale: bici, moto ed infine auto.
Quale migliore regalo per questo glorioso bicentenario se non ripetere sugli sterrati dell’Adriatico le prestazioni dell’edizione 2009 che diedero la vittoria alla Peugeot 207 Super 2000?
Dopo il successo nella gara inaugurale del Tricolore 2010, il Millemiglia, la 207 Super 2000 della coppia Paolo AndreucciAnna Andreussi, affidata alla Racing Lions di Fabrizio Fabbri e Moreno Fusai, si presenta da favorita ai blocchi di partenza del Rally dell’Adriatico. La 207 Super 2000 – il punto tecnico Fabrizio Fabbri, Responsabile Tecnico Racing Lions: « Riproporremo la piccola evoluzione motore già utilizzata per la gara di Brescia. Per quanto riguarda le regolazioni sulla vettura partiamo dal set-up della stagione passata che si è rivelato azzeccato. Ovviamente con delle leggere modifiche sui differenziali e sugli ammortizzatori per affinare ulteriormente le nostre prestazioni».
L’equipaggio Paolo Andreucci: «È la prima gara interamente su fondo sterrato, le prove speciali sono nell’entroterrra
marchigiano, per gli spettatori ci sono degli squarci di panorami mozzafiato che non hanno nulla da invidiare alle colline toscane! Le prove speciali cronometrate sono ricche di saliscendi e in alcuni punti si raggiungono velocità particolarmente elevate per una vettura che corre sulla terra: oltre 120 orari. Con le ruote che hanno un’aderenza relativa sul fondo sterrato, è una bella sensazione… ci sono anche dei bei salti con atterraggi, per fortuna, piuttosto morbidi.
L’Adriatico 2010 sarà sicuramente una gara di sprint, tattica e equilibrata, senza una prova lunga a fare la differenza. Molti i piloti che potranno essere protagonisti. Importante, qui come altrove, la scelta degli pneumatici. Infatti, sarà cruciale la scelta delle gomme nella seconda giornata di gara perché faremo due volte 5 prove speciali consecutive senza passare al Parco Assistenza. Con temperature, soprattutto nel primo giro, che varieranno molto tra la prima e l’ultima speciale…un errore di valutazione sulle coperture potrebbe compromettere l’intera gara.».

Anna Andreussi: « Partiamo favoriti? Sicuramente il successo di Brescia ci ha dato morale e qui abbiamo i favori del pronostico. Dobbiamo però mantenere la concentrazione e non commettere l’errore di pensare che la gara di quest’anno possa essere la fotocopia dell’edizione 2009 dove abbiamo fatto molto bene. Sarà sicuramente più difficile ma la voglia di festeggiare nel migliore dei modi i 200 anni di Peugeot è tanta…
Personalmente amo molto questo rally, le prove sono tutte molto belle, con panorami incantevoli e con sterrati larghi e lisci. C’è solo l’imbarazzo della scelta nel scegliere dove andare a vedere la prove. Un consiglio? Non avere fretta e gustarsi un passaggio completo, piuttosto che vederne velocemente e male due o tre. Ad esempio, a metà della p.s. "Cupramontana", c’è un rettilineo molto lungo con dossi da affrontare in quinta piena: motori a limitatore e massima velocità. Il posto si raggiunge da un bivio a sinistra, dopo aver attraversato il paese di San Michele”.

Sarà possibile seguire l’intera gara in diretta su Internet al seguente indirizzo: http://www.prsgroup.it/adriatico_2010/

In foto i due piloti Paolo Andreucci e Anna Andreussi in una passata edizione.

Foto di Gigi Peluso