Tempo di lettura: 2 minuti

"bruce"Leggende del soul come Thelma Jones, Lavelle White, Clay Hammond, Fred Wesley & The New JB’s, e prima volta in Europa per The Green Brothers, McKinley Moore e Bruce James. È il cast del Porretta Soul Festival, in calendario al Rufus Thomas Park dal 22 al 25 luglio a Porretta Terme (Bologna). La rassegna, giunta alla 23/a edizione e presentata alla stampa dal patron Graziano Uliani, ospiterà il debutto europeo dei Green Brothers (Al e Bobby Green), che presenteranno Soulville, il nuovo disco prodotto da Bobby Manuel. Poi l’ottetto diretto da Fred Wesley, trombonista per molti anni direttore della band che accompagnava James Brown. Il tributo a Otis Redding, al quale il festival è da sempre dedicato (il Comune gli ha anche intitolato una via), sarà con McKinley Moore e con il songwriter Bruce James. Il ‘deep soul’, quello del profondo sud, sarà rappresentato da Clay Hammond, mentre quello texano avrà come interprete Lavelle White, ormai ottantenne. Quindi l’esplosiva Chick Rodgers e prima volta anche per Thelma Jones, che con il suo hit ‘The House That Jack Built’ rischiò di oscurare Aretha Franklin. Infine un omaggio al musicista e produttore di Memphis Willie Mitchell, scomparso lo scorso gennaio, oltre alla ‘Memphis All Star Rhythm & Blues Band’diretta dal braccio destro di Al Green, Paul Taylor.

Tra le iniziative collaterali il secondo palco del ‘Rufus Thomas Cafe, nella piazza della cittadina, e il ‘Soul Food’ con mostra mercato di prodotti tipici dell’Emilia Romagna e con la partecipazione di venti band italiane, che suoneranno dalle 11 alle 19. Previsti anche workshop musicali, mostre fotografiche in tema, ‘marchin’ band’per le strade e mercatini di dischi da collezione e strumenti musicali.