Tempo di lettura: 6 minuti

"repubblicaMentre nei cespugli fanno capolino teneri getti di luppolo e per il raccolto occorrerà aspettare la fine dell’estate e il primo autunno, per stappare le bottiglie o mescere alla spina è già arrivata la stagione giusta. E’ tempo di rinfrescarsi con l’ottima birra ceca, protagonista in ogni bar, locanda, osteria tipica (hospoda) e ristorante ma soprattutto di un fitto calendario di feste e sagre che si inaugura con l’appuntamento più atteso: il Festival Ceco della Birra (www.beerfestprague.com), in programma a Praga dal 14 al 30 maggio. Giunta con successo alla terza edizione, la kermesse è ormai un evento imperdibile. Al Festival non si viene semplicemente per concedersi un boccale della fresca bionda per cui la Repubblica Ceca è nota e apprezzata in tutto il mondo. Qui tanto per cominciare si ha l’occasione di degustare e confrontare oltre 50 diverse marche di birra ceca d’alta qualità, dalle etichette più note a quelle di piccoli produttori artigianali. In 17 giorni di festa scorrono fiumi di birra che vanno a esaltare tutte le specialità gastronomiche nazionali e locali, offerte e preparate per l’occasione dai migliori chef, macellai e panettieri cechi e serviti da personale in costume tradizionale. A tutto fa poi da corollario un nutrito programma culturale e di intrattenimento. Sotto ognuno degli otto tendoni allestiti per il festival con colori e sapori volutamente diversi va insomma in scena una grande festa dei sensi. E’ previsto un bagno di folla ma certamente nessuno resterà in piedi (sono ben 10.000 i posti a sedere!), a bocca asciutta e nemmeno a mani vuote: anche in fatto di souvenir a tema ci sarà l’imbarazzo della scelta tra T-shirt, gadget, boccali, sottobicchieri ecc. Una curiosità: tutto, dalla birra al cibo fino ai souvenir, si paga con il “beer tolar”, la moneta ufficiale del festival. Il tolar vale 40 CZK (corone ceche).

In piena estate, quando le temperature invitano al refrigerio e la spensieratezza invoglia a condividere con gli amici spumeggianti boccali, è il turno delle Tradizionali feste della birra di Trebon (www.pivovar-regent.cz), in Boemia meridionale. Il 24 e 25 luglio l’antico birrificio della città, con una tradizione lunga oltre sei secoli, spalanca i battenti al pubblico, agli amanti della birra e chi ama far festa. La gola non fa a tempo ad asciugarsi che altra birra scorre copiosa e irresistibile in occasione della Bernard Fest di Humpolec (www.bernard-fest.cz), il 6 e 7 agosto. E non sono che alcuni degli eventi dedicati alla birra e al suo affascinante mondo tra primavera ed estate in Repubblica Ceca. A chiudere la stagione è un appuntamento di grande fascino, che si spinge oltre il boccale, anzi fa un passo indietro rispetto al boccale e invita a scoprire le fasi che precedono la bevuta. E’ la Sagra del raccolto di luppolo (www.docesna.cz), in calendario a Zatec, nella Boemia occidentale, il 3 e 4 settembre. Di lunghissima tradizione, l’evento è giunto alla 53ma edizione. In programma tanta musica, birra non-stop e gare singolari come quella di raccolta del luppolo (con nomina a cavaliere del vincitore, con tanto di corona naturalmente in luppolo) e quella di ballo con un boccale di birra sulla testa. Numerosi anche gli intrattenimenti e gli eventi su misura per bambini.

Se siete appassionati o anche semplici curiosi vi consigliamo comunque di guardare sempre oltre il boccale: ogni stagione è buona per approfondire tutto quel mondo di cultura, tradizione e maestria che finisce, insieme agli ingredienti “ufficiali”, nella pregiata birra ceca. Un tour lungo la Via della Birra è sempre possibile, sempre emozionante. Di città in villaggio, di birrificio in birreria, di fabbrica in laboratorio, di degustazione in museo fino ad approdare persino alla Spa, l’itinerario conduce attraverso l’intera Repubblica Ceca che, è bene ricordarlo, è la patria di quella celebre Pilsner che ha poi conquistato il mondo intero…

"repubblicaDentro i confini cechi impazza un vero e proprio turismo della birra, che porta alla scoperta di ricette tradizionali ma anche molto insolite –dalla birra al caffè fino a quella alla ciliegia- ma anche di luoghi unici e inattesi e soprattutto conduce dentro una storia antichissima, che fa risalire la coltivazione di luppolo all’859 a.C. e la birrificazione attorno al Mille. Un qualsiasi tour spumeggiante può certamente partire da Praga, il cui centro è costellato di storiche birrerie -prima fra tutte la celebre U Fleku, fondata nel 1499 e la più antica di tutto il Paese- ma deve poi doverosamente convergere in Boemia, vera patria della birra ceca e culla della più amata fra tutte le bionde: la Pilsner, che deve appunto il suo nome alla città di Pilsen. Fu proprio qui che nel 1842, in un’epoca di sole birre scure e torbide, inventarono un rivoluzionario metodo di fermentazione e birrificazione (lager). Il merito va allo storico birrificio Pilsner Urquell (www.pilsner-urquell.cz), che oggi è al tempo stesso fabbrica, birreria, monumento e museo. La visita interattiva dello stabilimento svela ogni segreto dell’intera filiera, dal luppolo alla bottiglia.

In giro per tutto il Paese, però, e per la Boemia in particolare, birrifici antichi e nuovi, grandi e micro aprono oggi le loro porte a chiunque voglia scoprire qualcosa in più su quel nettare oro che tanto piace e tanto ha da raccontare. In molti organizzano tour guidati “dietro le quinte”, che si concludono in bellezza con doverose degustazioni. Tra questi il birrificio Pivovar Eggenberg (www.eggenberg.cz) di Cesky Krumlov e il Kozel (http://pivovar.kozel.cz) di Velke Popovice che hanno pensato persino un percorso per bambini e ragazzi. Affascinante anche la visita al birrificio del castello di Detenice (www.krcmadetenice.cz), dove ricetta e metodo sono ancora quelli di 300 anni fa e un orignale museo fotografa secoli di storia e di arte birraia. Altro castello, altra birra. L’antico birrificio Pivovar Herold di Breznice (www.heroldbeer.com) è ospitato in un maniero barocco e la sua birra, pluripremiata ed esportata in tutto il mondo, riposa in cantine vecchie di 500 anni. Non si può poi non visitare Ceske Budejovice, patria di un’altra celeberrima bionda ceca: la Budweiser. Il birrificio Budweiser Budvar (www.budweiser.cz) utilizza solo ingredienti coltivati in loco, acqua pescata da pozzi artesiani profondi più di 300 metri e mastri birrai di tutto rispetto. Visitando lo stabilimento si scopre quanto bene faccia alla birra una sapiente convivenza tra tradizione e innovazione. Infine una curiosità per i più “intraprendenti”: a Olomuouc, il birrificio Moritz (www.hostinec-moritz.com) propone, oltre alle tradizionali visite guidate, anche corsi per aspiranti mastri birrai. In una sola giornata potrete imparare tanto e persino cimentarvi nella produzione di una birra tutta vostra!

Ne avete fatto il tema del vostro viaggio, l’avete bevuta ma anche assaggiata come ingrediente di piatti succulenti tipici della cucina ceca, l’avete vista nascere, ne avete scandagliato la storia, l’avete comprata come souvenir… che cosa mi manca? Un favoloso bagno nella birra. Si, perché la bionda (ma anche la scura, la rossa ecc.) non fa bene solo alla gola arsa, al palato e all’amicizia ma anche al corpo. I bagni nella birra, o meglio in acqua carbonica calda con aggiunta di birra speciale, sono la nuova frontiera del wellness in Repubblica Ceca e il fiore all’occhiello del marchio Chodovar (www.chodovar.cz), primo a lanciare un centro benessere a tema, il primo e il più grande del mondo. Al bagno segue un impacco terapeutico e naturalmente un bel boccale di birra della casa. I bagni nella birra si fanno anche a Praga (www.pivnilaznezoto.cz), Harrachov (www.sklarnaharrachov.cz/lazneinfouk.php) e Pisek u Jablunkova (Beskydy, www.pivnilazne.cz).

"repubblicaGLI ALTRI APPUNTAMENTI DELLA STAGIONE

6.5.2010 – La festa della liberazione di Pilsen. La festa della liberazione di Plzeň (Pilsen) celebra gli ultimi giorni della seconda Guerra Mondiale e la liberazione della città di Pilsen da parte dell’esercito americano. www.pilsen.eu

12.5. – 4.6.2010 – Primavera di Praga. 64a edizione del famoso festival internazionale di musica classica; „Primavera di Praga“ è un appuntamento fondamentale per eccellenti artisti a livello mondiale, orchestre sinfoniche e orchestre da camera. www.festival.cz

15.5. – 31.5.2010 – Dvořák’s Olomouc – Festival musicale. I principali lavori di Antonín Dvořák possono essere ascoltati in questo festival musicale internazionale, ma anche opere di altri compositori cechi come Josef Suk e Leoš Janáček. Olomouc, www.mfo.cz

28. – 30.5.2010 – Prague Food Festival – Uno spettacolo culinario unico! Praga ha oggi un altro epiteto: oltre a „Città dalle mille torri“ e „Città d’oro“ ora è nota anche come „Praga Culinaria“. A conferma del prestigio crescente della gastronomia ceca è arrivata la prima stella Michelin nell’Europa Centrale, riconosciuta al ristorante “Allegro” di Praga. Il festival culinario di Praga, alla terza edizione, è un inno alle prelibatezze della gastronomia ceca. www.praguefoodfestival.com

Info: www.turismoceco.it