Tempo di lettura: 2 minuti

"TalentLa terza edizione del Talent Prize è stata presentata ieri mattina nella Sala rossa della Fondazione Roma, fin dall’inizio promotrice dell’evento insieme alla Guido Talarico editore, con l’importante partnership del Comune di Roma e con tre sponsor d’eccezione: oltre alla stessa Fondazione Roma (main sponsor), anche Editalia del gruppo Poligrafico e Zecca dello Stato e il Gruppo Sole 24ore.

La giuria è composta da prestigiose conferme e new entry d’eccezione: Emmanuele F. M. Emanuele, presidente della Fondazione Roma e dell’Azienda speciale Palaexpo; Luca Massimo Barbero, direttore del Macro; Eduardo Cicelyn (per la prima volta in giuria), direttore del Madre di Napoli; Alberto Fiz, direttore artistico del Marca di Catanzaro; Anna Mattirolo, direttrice del Maxxi arte; Ludovico Pratesi, direttore artistico di Palazzo Fabroni; Patrizia Sandretto Re Rebaudengo, presidente della fondazione Sandretto Re Rebaudengo di Torino; Guido Talarico, editore e direttore di Inside Art; Gianluca Winkler, direttore generale dell’Hangar Bicocca.

«Una giuria – ha commentato Talarico durante la conferenza stampa – che rappresenta al meglio i due sistemi dell’arte contemporanea italiana, quello pubblico e quello privato, per dare un contributo tangibile ai giovani talenti. Mi auguro per questa terza edizione di proguire sulla strada intrapresa e fare sistema, puntando anche a uno sbocco fuori dai confini nazionali». Un premio innovativo e di grande respiro.
"Talent«Noi giurati siamo spinti anche dalla curiosità e dal desiderio di conoscere la realtà del contemporaneo, vedere storie, nuove narrazioni», ha spiegato Barbero. «Il Talent è una piattaforma per conoscere, scoprire e premiare la giovane arte italiana», ha aggiunto Pratesi.
Piena soddisfazione anche dell’assessore alla cultura capitolina Umberto Croppi: «Un premio originale concepito non come mera gratificazione, ma come occasione di emersione del talento. Un’occasione unica, che attraverso l’autorevolezza dei giurati, il sostegno prestigioso di un sistema editoriale, può immettere fin da subito giovani sullo scenario autorevole di spazi istituzionali».

Anche quest’anno il Talent prize sarà curato da Nicoletta Zanella: «E per la terza edizione – assicura – l’iniziativa ha confermato la sua utilità e serietà».
Il premio è aperto a tutti gli artisti, nati a partire dal 1971 e residenti in Italia, che vogliano presentare una loro opera originale di pittura, scultura, fotografia o video.
In palio 10mila euro, una mostra (negli spazi della Centrale Montemartini, anche se, come dice Croppi, non si escludono altri luoghi istituzionali del Comune di Roma a partire dalla prossima edizione) un catalogo, articoli pubblicati sulla rivista Inside Art, sia cartacea che web, e tanta visibilità.
A questa terza edizione si aggiungono, inoltre, il premio speciale della Fondazione Roma, il riconoscimento della redazione di Inside Art e una votazione online aperta a tutti.
Per inviare il materiale c’è tempo fino al 15 giugno. La partecipazione è gratuita.

Tutte le informazioni, il bando e la domanda di partecipazione sul sito ufficiale www.talentprize.it e sul portale della rivista Inside Art, www.insideart.eu.