Tempo di lettura: 2 minuti

"“IlNon sappiamo ancora come finirà, ma è certo che la telenovela giudiziaria che ha come oggetto l’incendio, la ricostruzione e la proprietà ancora oggi contesa del Teatro Petruzzelli, finalmente riaperto dopo 18 anni dal suo tragico rogo il 4 ottobre scorso, meriterebbe un giorno di essere “raccontata” sul grande schermo o in un’estenuante fiction televisiva di almeno venti puntate.
Di libri su questa storia estenuante e per certi versi triste, per non dire squallida, ne sono già stati scritti una decina in questi anni. Ci prova adesso un giovane e bravo giornalista, Antonio Cantoro, che con il suo “Teatro degli imbrogli” (Edizioni Nuova Stampa, pag. 254, 12 euro) appena pubblicato nei giorni scorsi, in uno stile ibrido ma di avvincente lettura tra l’inchiesta e l’instant book, ci porta per mano nei meandri più nascosti di questa vicenda, che partita in quell’alba fumante del 27 ottobre 1991 ad oggi non ha ancora trovato un vero colpevole, o meglio, il mandante di quell’incendio che distrusse il Politeama barese.
"“Il“Un teatro costruito agli inizi del Novecento da due commercianti con i risparmi di una vita, ma su suolo pubblico, viene incendiato il 27 ottobre 1991. Sedici anni di processi penali, centomila pagine di verbali e interrogatori, due sentenze di appello e due di Cassazione, porteranno all’assoluzione del presunto mandante, l’ex gestore Ferdinando Pinto (…) Una assoluzione con la formula più ambigua che l’ordinamento giudiziario contempli, l’insufficienza di prove.”

Cantoro nel suo libro racconta con la necessaria chiarezza e serpeggiante vena ironica tutta la storia giudiziaria, in vero ancora incompiuta, dell’incendio del Petruzzelli50 milioni di euro.
Mentre scriviamo questo articolo gli animi tra le parti (famiglia proprietaria da un lato, Ministero dei Beni Culturali, Fondazione Petruzzelli ed Enti Locali dall’altro) sono ancora molto riscaldati e non si placano. Ci sarà ancora una storia lunga da raccontare? Cosa ci attende prima dell’agognata parola fine di questa amara vicenda? Nessun problema: Cantoro è già pronto a scrivere altri 15 libri sull’argomento…Beato lui!

Foto di Carlo Cofano / Iessepi