Tempo di lettura: 2 minuti

"politeama"Sono una coppia artistica collaudata e marito e moglie anche nella vita. Il direttore di origini russe e italiane, Oleg Caetani, e la pianista fiorentina Susanna Stefani-Caetani, protagonisti ieri del penultimo appuntamento con la Stagione d’Autunno dell’Orchestra Sinfonica “Tito Schipa” di Lecce. Il programma, scelto per loro dal direttore artistico e principale dell’Orchestra, Marcello Panni prevedeva l’esecuzione della suite tratta dall’opera comica, Il naso, rivelazione del genio teatrale di Dimitri Šostakovič. Tratto da un famoso testo di Gogol, che descrive le surreali disavventure di un burocrate che perde il suo naso. Dopo una manciata di esecuzioni, venne accantonata in patria per quasi mezzo secolo, per ricomparirvi solo nel 1974, passate le purghe staliniane. La suite che impiega un numero esorbitante di percussionisti è realizzata in collaborazione con il Conservatorio “Tito Schipa” di Lecce.

Il secondo pezzo della serata era costituito dai Canti della stagione alta per pianoforte e orchestra di Ildebrando Pizzetti, che con Casella, Respighi e Malipiero formò la cosiddetta generazione dell’80 (tutti nati intorno al 1880) e godette di grande fama soprattutto come operista. Questo concerto per pianoforte e orchestra del 1930 è una delle pagine più riuscite della sua produzione sinfonica. Infine, la Incompiuta di Franz Schubert chiude con la sua magistrale bellezza non solo la serata, ma il programma sinfonico di questo 2009.

L’ultimo appuntamento in calendario sarà con la grande danza il prossimo venerdì 18 dicembre, alle ore 21, sempre al Politeama Greco di Lecce con il Balletto del Sud di Fredy Franzutti e l’Orchestra Sinfonica “Tito Schipa” diretta da Domenico Virgili, che porteranno in scena l’immortale classico di Pëtr Il’ic Čajkovskij Il lago dei Cigni che sarà replicato anche la sera di sabato 19 dicembre (alle ore 21) e il pomeriggio di domenica 20 (alle ore 18).