Tempo di lettura: 2 minuti

"festival"Radice Quadrata presenta il Festival della Bassa Risoluzione, un evento espositivo diffuso, un esperimento di arte pubblica effimera e processuale attraverso la quale gli artisti restituiscono alla città i suoi spazi residuali senza alterarne la diversità, ma abitandola creativamente.
Il Festival costituisce il momento culminante di A bassa risoluzione. Esperimenti spaziali nella città, un progetto che esplora la frontiera della bassa risoluzione come alternativa allo sforzo razionalizzante della società contemporanea. Gli spazi a bassa risoluzione sono spazi indecisi, microaree residuali e extra – architettoniche presenti nel tessuto urbano che pur appartenendo al paesaggio quotidiano rimangono sotto la soglia di visibilità ordinaria o vengono stigmatizzati perché privi di funzione. Attraverso delle azioni performative di mappatura con pretese para-scientifiche, Radice Quadrata ha individuato oltre settanta spazi, li ha ordinati nell’Archivio della Bassa Risoluzione (www.radicequadrata.org/abr/archivio/) e ha lanciato un open call per progetti site-specific.
Il Festival ospita gli interventi dei venti artisti selezionati che, servendosi di strategie eterogenee – dalla performance alla fotografia, dall’installazione alle pratiche relazionali -, si confrontano con la specificità degli spazi. Gli artisti interrogano e sperimentano le potenzialità della bassa risoluzione, attivano dinamiche inconsuete, sviluppano forme di affezione e fanno emergere le criticità sommerse del paesaggio residuale. Con la sua identità informale e rizomatica, il Festival intende valorizzare i residui dell’esistente creando un arcipelago di serendipità nel paesaggio quotidiano, disseminato per tre giorni di situazioni impreviste e di scoperte inattese.
La geografia diffusa del Festival orbitera intorno al Laboratorio Pubblico della Bassa Risoluzione, temporaneamente allestito presso la Galleria BluOrg. Il Laboratorio ospitera l’Archivio della Bassa Risoluzione e funziona come piattaforma di aggregazione , come luogo di postproduzione dei progetti e come spazio conviviale del Festival.

ARTISTI: Katia Alicante, Emanuela Ascari, Mariantonietta Bagliato, Gabriele Benefico, Manuela Centrone, DETEXT, Roberto De Pol, Maurizio Di Zio, Riccardo Fusiello, Claudia Giannuli, Michele Graglia, Alessandro Guagno, Charles Heranval, LE_09 (Barbara Esposito + Cinzia Laurelli), Valentina Maggi, Katia Meneghini, Maria Carmela Milano, Fabrizio Sartori, Daniela Spagna Musso, Francesca Speranza.

Radice Quadrata è stata creata da Anna Lovecchio e Valentina Vetturi. Radice Quadrata coltiva una identità rizomatica per diramarsi e decorrere fra necessità sistemiche e potenzialità creative. Radice Quadrata è impegnata nella sperimentazione e nella produzione di p ratiche artistiche e curatoriali e vuole funzionare come un connettore per la circolazione di idee, progetti, artisti e curatori. Il nostro metodo d’azione è alimentato da incontri imprevisti e reciprocità elettive, da collaborazioni trasversali e condivisioni sperimentali.
Info: www.radicequadrata.org