English Spanish German Russian Chinese Italiano
LSDmagazine
Il vostro pezzo mancante. Cultura, Stile, Vita, Attualità, Relax e non solo.
         Direttore responsabile: Michele Traversa
2008, boom delle frodi per gli “haker del credito”

28 Mag 2009 | Nessun Commento | 1.412 Visite
Di:
Print Friendly, PDF & Email

la stangata E’ costume che i tempi di crisi portino l’essere umano alla ricerca di soluzioni più svariate per sbarcare il lunario, chi non ci riesce legalmente si produce in azioni illegali, dunque vediamo fiorire i più svariati reati e soprattutto le frodi.
Giunti da poco sono i dati dell’ultimo rapporto dell’Osservatorio Crif, sull’attività “frenetica” degli haker del credito. Il bilancio del 2008 registra danni per 145 milioni di euro, in pratica un +29% rispetto all’anno precedente e, udite uditie, tra i maggiori responsabili di tali reati sono i datori di lavoro (7%), precedenti o ancora in corso, e in alcuni casi sedicenti tali. Gli esercenti continuano comunque a rappresentare quasi un terzo dei presunti autori (31%), seguiti dai parenti delle vittime (27%).
Benché il mondo del credito si trinceri a causa della crisi, benché i risparmiatori si facciano più guardinghi ed informati, il trucco delle false identità funziona sempre e si fa sempre più raffinato: i reati avvengono nella maggior parte dei casi con l’utilizzo di documenti originali, ma rubati o smarriti; oppure attraverso la presentazione di copie o di documenti falsificati. Segni evidenti della preoccupante disattenzione con cui alcuni centri commerciali e società finanziarie verificano i dati dei clienti.
Settori più colpiti anche nel 2008, nell’universo dei finanziamenti, i prestiti finalizzati (con una quota di oltre il 74% dei casi). Scendendo nel dettaglio, se si analizza la tipologia di beni oggetto di frodi si registra uno spostamento verso il settore auto e moto, mentre negli anni precedenti finivano nel mirino degli “hacker del credito” in prevalenza gli acquisti a rate di prodotti di elettronica di consumo. Allo stesso tempo, anche il settore dell’arredamento registra una rilevante crescita delle frodi creditizie, che passano dal 7% nel 2007 all’11% del totale nel 2008. Questo dato dimostra – si apprende dal rapporto – come i frodatori, pur rimanendo sempre nell’ambito di prodotti facilmente rivendibili, puntino maggiormente a beni di importo più elevato.

.

Nessun commento ancora

Lascia un commento

CASHBACK WORLD
il mondo visto di traversa
per vie traverse
Sinestesie Mediterranee
LSD webradio
Coming Soon

LSD television
Coming Soon

per vie traverse
Per Informazioni
E-Mail: info@lessonnumper1.it

Categorie