English Spanish German Russian Chinese Italiano
LSDmagazine
Il vostro pezzo mancante. Cultura, Stile, Vita, Attualità, Relax e non solo.
         Direttore responsabile: Michele Traversa
“Oh!“ white/dark room, una performance cromo-sensoriale fuori controllo al Divinae Follie

7 Set 2012 | Nessun Commento | 2.550 Visite
Di:
Print Friendly, PDF & Email

“Oh!“ white/dark roomQuali sono i desideri inconfessabili delle coppie? Quando vi attrae qualcuno che non conoscete date liquida esplosione ai vostri istinti? Cosa desiderate? Cosa temete? Sapete usare la vostra emotività?

Liberamente ispirata al romanzo erotico “HISTOIRE D’O” e alla performance RHYTHM O di Marina Abramovic, “Le Dernier Restaurant”, l’osservatorio del cibo contemporaneo della chef-curatrice Grazia De Palma, in collaborazione sinestetica con Titti Mastrogiacomo, diventa un’esecuzione cromo sensoriale alla scoperta del CONTROLLO e della SEDUZIONE.

Che cos’è “OH”? E’ una notte all’insegna di una cena e di una performance dal tocco sensuale ed imprevedibile.

I sapori afrodisiaci e mediterranei del menu ci conducono in una location esclusiva : il dancefloor COCO tra le piscine del Divinae Follie, le sedute lounge e la tavola esperienziale. Il COCO, la location notturna più chic della provincia di Bari (Bisceglie), con i suggestivi specchi d’acqua dalle luci cangianti, sarà il palcoscenico di un’incredibile mix di emozioni, colori e musica per una serata all’insegna dell’eleganza e del divertimento.

Il curatore diventa specchio emotivo per coloro che mangiano e per quelli che guardano soltanto.

Due formule di cena differenti: la cena esperienziale per (massimo) venti commensali diretti PROTAGONISTI della performance, e la cromo-cena a buffet tra le sedute lounge e i divani a bordo piscina, con possibilità di GUARDARE da vicino, cosa accade alla tavola esperienziale.

Per chi non volesse cenare ma soltanto…”osservare” la cena performativa è possibile partecipare come semplici “Voyeur”… in libertà.

Sulla tavola esperienziale saranno disposti 72 oggetti di piacere, di dolore e di fastidio.

La curatrice Grazia De Palma, in collaborazione con Giacomo Genchi, Giuseppe Volpe, Federica Verdegiglio, e Alessandra Disca, li utilizzerà a sua discrezione, sui commensali seduti, che durante la cena, offriranno il proprio tempo da trasformare in “esperienza”. L’azione performativa non avrà regole e l’utilizzo degli oggetti sarà fuori dal controllo dei commensali stessi, ma nel massimo rispetto di ciascuna persona. I commensali saranno fotografati al fine di produrre materiale didattico documentativo dell’azione realizzata durante la serata.

Chi deciderà di prenotare avrà, su richiesta privata, una lista sommaria degli oggetti che verranno allestiti sulla tavola.

La tavola esperienziale sarà dunque un’arena VIVENTE ed imprevedibile dove si animerà e si svilupperà l’intera performance in cui lo spettatore-attore si offrirà pubblicamente e senza controllo, al triangolo erotico dello spettatore che guarda, e della curatrice che esplora attraverso “oggetti di DESIDERIO” i labirinti dei piaceri, delle paure, e delle emozioni nascoste più “intime”.
Durante la cena e l’azione performativa verrà proiettato su di un maxi schermo un documentario d’autore.

Parte integrante della performance sarà l’intervento – in collaborazione con la galleria FORMAQUATTRO – dagli esiti imprevedibili “Whathever happens” del fotografo Alessandro Cirillo.

Come nelle intense sperimentazioni di Marina Abramovic, OH è la messa in scena di ciò che può essere definita una “consumazione postmoderna”, ovvero un tentativo non pornografico ma esistenziale, che mira a destrutturare i confini personali e societari tramite il sacrificio fisico come forma rituale di purificazione. Piacere e dolore esplodono in tutta la loro pienezza e sono dimensioni incandescenti dell’identità umana, che attraverso una “pubblica offerta” approdano ad una guarigione collettiva.

Questo tipo di “teatro” è una confessione, quasi un approccio anatomico del linguaggio del corpo, che spesso non vogliamo vedere e desideriamo disperatamente “controllare”. L’esigenza di controllare le situazioni e le emozioni è la più grande forma di paura. Non puoi controllare tutto. Immagina di essere un surfista: è un’ottima idea quella di prepararti tecnicamente a cavalcare le onde, ma non riuscirai mai a controllare le onde stesse.

“Oh!“ white/dark room
“Oh” white/dark room, come nelle migliori favole fetish, una stanza bianca diventa una stanza nera…e poi torna ad essere bianca, forse…di nuovo nera. Cosa accadrà? Un sottile gioco di fiducia è messo in scena durante questo convivio sensoriale alla ricerca di una libertà perduta o di un senso di liberazione da ogni restrizione quotidiana.

Gioco o realtà? Essere a disposizione di qualcuno è una grande forma d’amore anche perché l’esperienza trasforma la vita in verità. Siete capaci di farlo?

La cena inizierà alle ore 21.30

I commensali del tavolo esperienziale dovranno arrivare un po’ in anticipo. Dress code : gradito abito elegante, preferibilmente lungo per Lei.

Dress code: gradito abito elegante, preferibilmente lungo per Lei.

Il biglietto di ogni formula comprende l’ingresso della serata in discoteca che inizierà dopo la mezzanotte. Quando la cena sarà terminata per coloro che vorranno proseguire la serata danzante consigliamo la prenotazione dei privè.

I vostri sensi sono invitati a partecipare all’evento prenotando al numero 080-3986050

Info:  www.divinaefollie.com

www.ledernierestaurant.com

.

Nessun commento ancora

Lascia un commento

CASHBACK WORLD
il mondo visto di traversa
per vie traverse
Sinestesie Mediterranee
LSD webradio
Coming Soon

LSD television
Coming Soon

per vie traverse
Per Informazioni
E-Mail: info@lessonnumper1.it

Categorie