English Spanish German Russian Chinese Italiano
LSDmagazine
Il vostro pezzo mancante. Cultura, Stile, Vita, Attualità, Relax e non solo.
         Direttore responsabile: Michele Traversa
us blackjack online casino ecocard casino newest us online casino casino slots bonus money bestusacasinos.org south africa casinos us online casinos no download internet slots machines online blackjack bonus

*-online.org mac online casinos for fun http://www.euro-online.org

The Somnambulist e il caos strutturato di Sophia Verloren

28 gen 2013 | Nessun Commento | 1.613 Visite
Di:

The SomnambulistSophia Verloren afferra un dimensione compositiva fuori dagli schemi. Sophia Verloren è la nuova proposta discografica della band The Somnambulist. La loro musica è spiazzante, curva continuamente traiettoria e favorisce un canto dal forte coefficiente d’impatto: mugugno rauco che riporta a Tom Waits o vibrazione cavernosa che ricorda Mark Lanegan. E’ questa la cifra stilistica del nutrito gruppo italo-tedesco (Marco Bianciardi, Rafael Bord, Marcello S. Busato, Chris Abrahams, Els Vandeweyer, Jacopo Andreini, Carsten Wegener, Albertine Sarges).
Nell’album, il rozzo e brutale uso dei modi rock si stempera nei gentili inserti di violino e il pianoforte risolve la sua improvvisazione nel freddo uso del theremin o negli ambigui effetti sonori. Tutto e il contrario di tutto, per confondere piacevolmente e rendere più eccitante l’ascolto, per far pesare un’incognita e poi risolverla in modo insolito. Un caos categorico, un “disordine organizzato” che regolamenta il fluire musicale ma che non è anarchia. Una nuova sintassi che alimenta un periplo di fraseggi, dapprima desolanti e poi incoraggianti, senza soluzione di continuità.
Logsailor, ad esempio, alterna numerosi momenti orecchiabili a rapidi rovesciamenti antitetici. … And The Snow Still Falls rasenta uno stringato lirismo esistenzialista (Time is a drop/ Time is a drop that falls everyday) e si veste di note che riecheggiano come interrogativi pendenti. E quando la voce di Marco Bianciardi sembra aver mostrato tutte le sfumature possibili, si rinnova nel duetto dolciastro di A Daisy Field con Albertine Sarges protagonista assoluta, in chiusura, di una tanto solenne quanto dolente Monday Morning Carnage.
The Somnambulist disorienta e destabilizza anche con il titolo assegnato al disco. Sophia Verloren è gioco di parole che certamente ricorda la più celebre tra le attrici italiane ma, più precisamente, insinua un sospetto che, di questi tempi, serpeggia con frequenza (sophia, in greco sapienza e verloren, in tedesco persa) tanto da sembrare certezza.

.

Nessun commento ancora

Lascia un Commento

CASHBACK WORLD
il mondo visto di traversa
per vie traverse
Bari - dal borgo alla citta'
LSD webradio
Coming Soon

LSD television
Coming Soon

GrilaCom - London
per vie traverse
Per Informazioni
E-Mail: info@lessonnumper1.it

Categorie