English Spanish German Russian Chinese Italiano
LSDmagazine
Il vostro pezzo mancante. Cultura, Stile, Vita, Attualità, Relax e non solo.
         Direttore responsabile: Michele Traversa
Solar Impulse, l’aeroplano ad energia solare vola anche di notte

6 Mag 2013 | Nessun Commento | 1.630 Visite
Di:
Print Friendly, PDF & Email

Solar Impulse
Il sogno di Icaro è oggi più vicino: Solar Impulse, un aeroplano mosso da energia solare capace di volare anche la notte, è partito per un viaggio coast to coast dal Moffet Air Field della Nasa vicino a San Francisco con l’obiettivo di raggiungere New York nell’arco di qualche settimana.

Prima tappa del velivolo monopoisto leggerissimo (1,6 tonnellate, poco più di una utilitaria) ma con l’apertura alare di un Airbus 340 (64 metri) sarà Phoenix, poi Dallas, St. Louis Washington e infine JFK.

Ai comandi dell’aereo è l’aviatore svizzero Bertrand Piccard, figlio e nipote di esploratori dei cieli e degli abissi, che si alternerà alla guida con l’altro fondatore del progetto, Andre Borshberg. La prima tranche del viaggio dovrebbe durare 19 ore. L’arrivo a JFK, tempo permettendo perchè Solar Impulse non tollera le turbolenze, è previsto nell’arco di due mesi.

Solar Impulse, concepito nel 2003 con un budget decennale di 112 milioni di dollari, è mosso da 12.000 celle fotovoltaiche che permettono di volare senza carburante e di ricaricare simultaneamente le batterie che ne consentono dunque il volo la notte. Per costruirlo ci sono voluti sette anni e un team composto da 70 tra tecnici e ricercatori. Velocità media soltanto 69 chilometri all’ora, con la capacità di salire gradualmente fino a 8.500 metri di quota.

L’attuale aereo è stato pensato per voli fino a 24 ore alla volta ma il prossimo modello potrà restare in aria fino a cinque giorni e cinque notti per un giro del mondo nel 2015: una grandiosa dimostrazione di quel può essere fatto con le energie pulite, ma anche una avventura alla Jules Verne con un pizzico di Circo Barnum. Meditazione e ipnosi hanno fatto parte dell’addestramento di Piccard e del suo socio che dovranne volare senza praticamente chiudere un occhio. «Non è chiaramente il modo più pratico per viaggiare, ma è un modo fantastico di volare perchè più voli più energia accumuli». L’idea ha spiegato il discendente di esploratori e pionieri è di «ispirare il maggior numero di persone possibile ad avere lo stesso spirito: a osare, innovare, inventare. Cosa sarebbe la vita senza dubbi, senza qualche punto interrogativo?».

.

Nessun commento ancora

Lascia un commento

CASHBACK WORLD
il mondo visto di traversa
per vie traverse
Sinestesie Mediterranee
LSD webradio
Coming Soon

LSD television
Coming Soon

per vie traverse
Per Informazioni
E-Mail: info@lessonnumper1.it

Categorie