English Spanish German Russian Chinese Italiano
LSDmagazine
Il vostro pezzo mancante. Cultura, Stile, Vita, Attualità, Relax e non solo.
         Direttore responsabile: Michele Traversa
us blackjack online casino ecocard casino newest us online casino casino slots bonus money bestusacasinos.org south africa casinos us online casinos no download internet slots machines online blackjack bonus

*-online.org mac online casinos for fun http://www.euro-online.org

OfeliaDorme: la grande ammirazione per Rimbaud e per il pop

29 mar 2011 | Nessun Commento | 2.098 Visite
Di:

OfeliaDormeOfeliaDorme è un gruppo di Bologna nato nel 2007. Francesca Bono (voce, chitarra e tastiere), Gianluca Modica (basso, chitarra), Michele Postpischl (batteria, basso), e Tato Izzia (chitarra, basso) battezzano il gruppo traendo spunto dal titolo di un poema, romantico e sognante, di Arthur Rimbaud. All Harm Ends Here, debut album del gruppo bolognese, mantiene intatti alcuni caratteri della “Ofelia” di Rimbaud: afflitto e maestoso è il tema di quei versi, altrettanto mesto e solenne è il carattere di questo disco.

Scampoli di lucentezza guizzano in mezzo a profonda oscurità. Toni di grigio si stemperano o, più frequentemente, si incupiscono nel buio di liriche abilmente indirizzate dalla voce di Francesca. Tra pop ed elettronica è un continuo fluttuare di brani introspettivi cantati in inglese, accompagnati da chitarre minimali, onnipresenti tastiere e ritmi stinti. L’iniziale Paranoid Park è componimento magnetico che racconta equilibri precari (Cause every time you pass me by/ I feel like thin glass on a swing) e delusione conclamata (My sinking heart is burying me/ With the letdown that I felt), sospeso tra delicati rintocchi di synth e accenni di chitarra arpeggiata. Fa il paio con Ian, tre lettere a formare un nome che la Bono stira, sgualcisce e maltratta in una spirale che è dedica dolceamara a Ian Curtis. Rabbia e disperazione si combinano a desiderio che celebra, latrato che rimpiange il leader dei Joy Division.

I testi sono minimali e perfettamente inseriti in musiche dai tempi moderati, come in River. In Naked Evil si rintracciano melodie malinconiche (acuite dal suono di violino) e vocalità frenate, summa della filosofia artistica degli OfeliaDorme.
Un’estetica pop “fluida” che include l’elettronica soprattutto in Grow! e The Wizard, the Witch and the Crow, ma che non prevede nodi elettrici o variazioni ritmiche di indubbio vigore. Solo I like my drums incrina una certa uniformità di fondo grazie ad un assolo di tromba caratterizzante.

Una prova di debutto buona che annuncia maturità e lascia presagire ulteriori sviluppi.
Il tour degli OfeliaDorme, intanto, continua (tutte le date sul loro sito www.ofeliadorme.it). Ecco l’occasione per saggiare il mood di questo disco anche dal vivo.

.

Nessun commento ancora

Lascia un Commento

CASHBACK WORLD
il mondo visto di traversa
per vie traverse
Bari - dal borgo alla citta'
LSD webradio
Coming Soon

LSD television
Coming Soon

GrilaCom - London
per vie traverse
Per Informazioni
E-Mail: info@lessonnumper1.it

Categorie