English Spanish German Russian Chinese Italiano
LSDmagazine
Il vostro pezzo mancante. Cultura, Stile, Vita, Attualità, Relax e non solo.
         Direttore responsabile: Michele Traversa
Il genio di Slava Polunin ci conduce alla riscoperta del fanciullo che è in noi con “Slava’s Snowshow”

16 Mar 2019 | Nessun Commento | 650 Visite
Di:
Print Friendly, PDF & Email

slava2Dicono che c’è un tempo per seminare ed uno più lungo per aspettare: io dico che c’era un tempo sognato che bisognava sognare.” (Ivano Fossati)

In principio era l’artista di strada. Non vi è dubbio che la creazione dell’arte della rappresentazione parta da lì, anche se oggi quello strano e fatato mondo pare non poter sopravvivere al di fuori di un ambito circoscritto e tranquillizzante e, soprattutto, senza l’edificante apporto di un pubblico adulto ed adorante: il teatro è forse la maggiore dimostrazione di questa particolarissima involuzione della cultura popolare; figlio, se non addirittura figliastro, di quella pionieristica realtà nata con il carrozzone itinerante di Tespi, sembra ora averne definitivamente preso le distanze, rinnegando spudoratamente i propri natali, rinchiudendosi – repentinamente, oseremmo dire – in opprimenti stanzoni che, il più delle volte, non lasciano alcuno spazio alla fantasia, né, tantomeno, concedono che si possa giungere ad una sana, consapevole e liberatoria esternazione delle proprie emozioni. Unica roccaforte del primordiale modo di fare arte resta il circo, meraviglia tra le meraviglie, mondo fatato che, a dispetto delle enormi difficoltà e degli infiniti sacrifici dei suoi abitanti, ci accoglie sempre con un luminosissimo raggio di sole, impalpabile magia che si lascia catturare solo da quanti si abbandonano ai suoi benefici effetti. Ed in quel luminoso pianeta, vi sono uomini che paiono vivere con il solo scopo di donarsi agli altri, di dedicarsi alla cura del prossimo, di regalare ai propri simili sorrisi, gioia, sogni: sono i comici, i giullari, i clown, gli esseri umani ritenuti, nella loro follia, i più vicini al Divino (San Francesco d’Assisi docet), talmente affini alla divinità da riuscire, talvolta, ad operare dei miracoli.

Slava Polunin, da molti considerato il miglior clown del mondo, compie indubbiamente miracoli, non fosse altro che per quella sua capacità di far tornare a battere i nostri vecchi cuori, perennemente atrofizzati, ad un ritmo consono ad una vita viva, di insegnarci a tornare bambini, che poi vuol dire disimparare, lasciarsi andare a regole altre, oniriche, spingersi oltre, credere nuovamente all’incredibile. Nato in una piccola città russa, lontano dai grandi centri urbani, Slava trascorre gran parte della sua infanzia in mezzo alle foreste, ai campi e ai fiumi, dilettandosi nella costruzione di case sugli alberi, fino a quando il fuoco della passione per l’arte della clowneria non lo spingerà, a soli 17 anni, a trasferirsi a San Pietroburgo, a quei tempi ancora Leningrado, per iscriversi ad una scuola di mimo; sarà il primo passo per uno dei più straordinari artisti che il mondo abbia conosciuto. Probabilmente in memoria di quel suo viaggio iniziatico, nel 1993 Slava crea lo “Slava’s Snowshow”, spettacolo di infinita suggestione ed immensa fascinazione, ilare e malinconico come solo le creazioni dei grandi clown sanno essere, approdato oggi, dopo oltre 6000 repliche, con una media di 400 spettacoli all’anno, per un totale di 4 milioni di spettatori, al Teatro Petruzzelli di Bari per impreziosire ulteriormente il già prezioso cartellone annuale della Fondazione, con repliche sino a domenica prossima, cui vi invitiamo vivamente a partecipare se non volete perdere l’occasione – forse l’unica – di poter dire di essere stati presenti quella volta che la neve cadde sulla platea o che la stessa fu ricoperta da una fittissima ragnatela prodotta da un animale gigantesco, che qualcuno abbia impertinentemente ed impudentemente camminato sul dorso della vostra poltrona, peraltro spruzzandovi addosso dell’acqua, che si sia potuto danzare sulle melodie di Jorge Ben o di Paolo Conte, che la tempesta di neve abbia investito ogni angolo del teatro, con le note dei “Carmina Burana” a sfondare cuore ed orecchie, al punto da far serrare occhi e bocche, che attempati frequentatori del teatro (e sia detto come assai poco velata autocritica) si siano contesi volteggianti enormi palloni con piccoli – e molto meno abituali – spettatori.

slavaEcco, forse il trucco è tutto lì: per accostarsi al mondo di Slava occorre tornare ad essere bambini e lasciarsi catturare dalla straordinarietà di una pièce unica nel suo genere, uno spettacolo strabiliante, assolutamente perfetto, che andrebbe mandato a memoria, filmato e rivisto al rallentatore, fotografato attimo per attimo, che, a nostra memoria, non conosce confronti se non in quella costola impazzita dei “Momix” che chiamiamo “Mummenchans”; Slava e la sua fantastica Compagnia ipnotizzano il pubblico che ha avuto l’accondiscendente compiacenza di disarmarsi, disegnando meravigliosi quadri, donando momenti di struggente poesia e di sfrenata allegria, tracciando nella memoria solchi difficilmente risanabili, al punto da rischiare di restare per sempre soggiogati da questo mondo che sembra partorito dai nostri sogni più belli. Alla fine, non resta altro che dichiararsi prigionieri di un universo che, nel chiuso delle nostre casette, non credevamo nemmeno potesse esistere, ma che, ora, esplode davanti ai nostri occhi in tutta la sua rara bellezza; perché quello che lo “Slava’s Snowshow propriamente riesce a fare non è portare il circo in teatro – sarebbe troppo semplice – ma, al contrario, trasportare il pubblico dalle impolverate poltrone fin sotto il grande tendone circense, anzi di più, portarlo a zonzo nei campi, nelle piazze, nella strada imbiancata dalla neve, in un viaggio che non può non terminare nelle più inesplorate pieghe della nostra anima, alla riscoperta di un fanciullino spesso dimenticato, così irrimediabilmente sopito da ritenerlo ormai svanito, ma che sa risvegliarsi quando si trova al cospetto dei più puri incantesimi.

 

 

 

.

Nessun commento ancora

Lascia un commento

CASHBACK WORLD
il mondo visto di traversa
per vie traverse
Sinestesie Mediterranee
LSD webradio
Coming Soon

LSD television
Coming Soon

per vie traverse
Per Informazioni
E-Mail: info@lessonnumper1.it

Categorie