English Spanish German Russian Chinese Italiano
LSDmagazine
Il vostro pezzo mancante. Cultura, Stile, Vita, Attualità, Relax e non solo.
         Direttore responsabile: Michele Traversa
us blackjack online casino ecocard casino newest us online casino casino slots bonus money bestusacasinos.org south africa casinos us online casinos no download internet slots machines online blackjack bonus

*-online.org mac online casinos for fun http://www.euro-online.org

Consigli alla lettura: La Scuola del Respiro. I segreti del Belcanto all’italiana nel libro di Alessandro Patalini

4 lug 2015 | Nessun Comento | 633 Visite
Di:

li1Zecchini Editore presenta “La Scuola del Respiro“, l’ultimo libro di Alessandro Patalini. Un testo che, per la prima volta, svela i segreti della scuola italiana del Belcanto attraverso testimonianze e analisi dei grandi cantanti dal Settecento ad oggi.

È opinione diffusa che la respirazione sia il fondamento del canto, eppure gli insegnamenti che possiamo leggere al proposito in alcuni metodi di canto tra i più antichi e famosi, sono molto diversi da quelli diffusi attualmente. Dobbiamo considerarli errati, rifiutando il confronto con i princìpi basilari di quella che fu definita “La scuola del respiro”? O, più ragionevolmente, dobbiamo supporre che, nel corso della storia, i cantanti di scuola italiana abbiano utilizzato diverse maniere di respirare? La questione non è di poco conto se, appunto, si dà importanza alla respirazione nel canto, e si considera che il repertorio del Settecento e del primo Ottocento è tornato prepotentemente ad appassionare il pubblico. Questo libro offre l’occasione di guardare alla respirazione del canto da una prospettiva inedita; per farlo raccoglie e commenta le principali testimonianze sulla respirazione riconducibili alla didattica della vocalità fiorita, ne delinea i caratteri fisici, le motivazioni pratiche, e propone alcune plausibili ipotesi sul motivo per cui essa fu progressivamente abbandonata. Un percorso che si snoda fra storia, prassi esecutiva e didattica, ponendo al centro l’esperienza viva del cantante che, oggi come due o trecento anni fa, si avvicina al Belcanto.

 

Se la voce di un cantante – vuoi per il travolgente virtuosismo, vuoi per l’accattivante li3espressività – riesce a farci commuovere ancora oggi, nel mondo smaliziato, distratto e materialista che ci siamo fabbricati, non è tanto perché si sostiene sulle fondamenta di una inossidabile e dogmatica scuola sapienziale e di una teoria di precetti e di accorgimenti. Senza tecnica si scivola nel dilettantismo, e l’emozione autentica non può vivere nello spazio dell’approssimazione. Ma se al canto di un professionista ci commuoviamo nel profondo, se nel momento dell’ascolto il tempo sembra azzerarsi, il peso della materia svanire, e se avvertiamo il miracolo del cuore che si solleva in volo, è soltanto perché dietro, sotto -dentro- quel canto, batte il ritmo sublime, perfetto, inavvertibile e immacolato di un respiro.

Il respiro è vita. Per chi lo crede, il divino stesso.

Alberto Triola

Direttore operativo del Teatro del Maggio Musicale Fiorentino, Direttore artistico del Festival della Valle d’Itria e Presidente del Conservatorio “Nino Rota” di Monopoli

 

È sempre vero che il gesto respiratorio nel canto è il canto stesso e la materia sonora scaturisce dal fluire dell’aria sotto il controllo delle esigenze delle dinamiche insite nello stile, dal suo accoglimento in cavità di risonanza specializzate ad atteggiarsi per determinati risultati stilistici. Ed è vero che  la respirazione  fisiologica è una, proprio come è uno il correre delle nostre gambe, ma è pur vero che la potenza e la coordinazione hanno estetiche performative molto diverse; esse sono naturali, perché umane, ma non necessariamente fisiologiche per la struttura che le esegue. Così anche la didattica del respiro concentra l’attenzione ora più su uno ora su un altro aspetto dell’evento unico e indivisibile che è il soffio canoro, che si dipana in una illusoria naturalezza, ed è invece il risultato di un complesso controllo del corpo, dentro la musica, trovato spesso dal grande cantante in modo naturale.

Franco Fussi

Medico-chirurgo, specialista in Foniatria e Otorinolaringoiatria, responsabile scientifico di Alta Formazione in Vocologia, consulente foniatra del Teatro Comunale di Bologna, delle Accademie d’Arte Lirica di Osimo, Martina Franca e dell’Accademia Rossiniana di Pesaro, della Scuola dell’Opera Italiana del Comunale di Bologna

 

LA SCUOLA DEL RESPIRO

li2Antologia commentata delle testimonianze

sulla respirazione nel Belcanto

Autore: Alessandro Patalini

Editore: Zecchini Editore

Presentazione di: Alberto Triola

Prefazione di: Franco Fussi

Pagine XXIV+188 – illustrato – formato cm. 16,5 x 23,5

Euro 25,00

.

Nessun commento ancora

Lascia un Commento

CASHBACK WORLD
per vie traverse
Il mondo visto di Traversa
Storie intorno al globo di un simpatico viaggiatore
di Michele Traversa
Richiedi la tua copia
Telefono: 080 5575940
E-Mail: direzione@lsdmagazine.com
1991-1995 La resa dei conti
per vie traverse
Vineaway - Produci il tuo vinoVineaway - Produci il tuo vino
per vie traverse
Per Informazioni
E-Mail: info@lessonnumper1.it

Categorie