English Spanish German Russian Chinese Italiano
LSDmagazine
Il vostro pezzo mancante. Cultura, Stile, Vita, Attualità, Relax e non solo.
         Direttore responsabile: Michele Traversa
Arriva anche in Italia la Facebook Tv e diventa globale

4 Set 2018 | Nessun Commento | 427 Visite
Di:
Print Friendly, PDF & Email

facebook groupDiventa sempre più globale la sfida ai contenuti televisivi tradizionali, già assaltati da YouTube, Amazon e Netflix. Arriva in tutto il mondo e anche in Italia, Facebook Watch, il servizio del social network lanciato un anno fa solo negli Stati Uniti. E’ in streaming e offre programmi di sport, notizie ma anche serie originali come Skam e Sorry For Your Loss, al pari dei concorrenti. Ma con tutto il peso di due miliardi di potenziali spettatori.
«Da oggi è disponibile ovunque, per dare agli utenti di tutto il mondo un nuovo modo di scoprire video e interagire con amici, creatori e fan», spiega in un post ufficiale Fidji Simo, capo della sezione Video di Facebook facendo intuire guadagni che Watch potrà portare a ideatori di contenuti, media e allo stesso social in termini di pubblicità. «Significa nuove opportunità per i creatori e gli editori di tutto il mondo – aggiunge – Stiamo espandendo il nostro programma Ad Breaks in modo che più partner possano guadagnare dai loro video». Per il momento è attivo in un gruppo di paesi, l’Italia non è compresa.
Il servizio è stato lanciato nell’agosto del 2017 negli Stati Uniti. E’ una sezione specifica per accedere ai video, rintracciabile anche su smart tv e su altri dispositivi. Negli Usa ogni mese «più di 50 milioni di persone hanno visto un video per almeno un minuto su Watch», il tempo totale trascorso a guardare filmati si è più che decuplicato dall’inizio del 2018.
L’asso nella manica del servizio, oltre al numero esponenziale di utenti/spettatori, è la componente social, di interazione. «Nell’ultimo anno – sottolinea Fidji Simo – abbiamo consentito di vedere con più facilità i video che gli amici hanno condiviso o a cui hanno messo Mi piace, creando programmi incentrati sulla partecipazione del pubblico e aprendo Watch ai video delle Pagine». Secondo una recente ricerca di GlobalWebIndex sui social media si trascorrono in media 20 minuti in più al giorno che a guardare programmi televisivi, tempo che si dilata ad un’ora e mezzo per i più giovani che vedono oramai il piccolo schermo come il telefono fisso di casa, cioè un mezzo di altri tempi. E i big di Internet da tempo sono impegnati a portare gli utenti dallo loro parte, complice anche la diffusione degli smartphone.
Instagram, la nuova macchina da soldi di Facebook, dà la possibilità di caricare video e contenuti originali di un’ora. YouTube ha lanciato negli Stati Uniti YouTube Tv, oltre 40 canali in abbonamento e un palinsesto fai da te. Twitter sta risalendo economicamente dando più spazio agli eventi sportivi in diretta streaming. Snapchat ha la sezione Discover che mescola contenuti degli utenti a quelli degli editori. E Apple, secondo indiscrezioni, acquisterà una content company o un servizio di streaming televisivo.
A cambiare il modo di fruire i contenuti televisivi sono state Amazon e Netflix, che però nell’ultima trimestrale ha segnato un calo di utenti. Un piccolo campanello d’allarme che ricorda come il settore è in grande evoluzione e i competitor spuntano come funghi. Negli Stati Uniti nel 2019 anche Disney lancerà il suo servizio di contenuti streaming.

.

Nessun commento ancora

Lascia un commento

CASHBACK WORLD
il mondo visto di traversa
per vie traverse
Sinestesie Mediterranee
LSD webradio
Coming Soon

LSD television
Coming Soon

per vie traverse
Per Informazioni
E-Mail: info@lessonnumper1.it

Categorie