English Spanish German Russian Chinese Italiano
LSDmagazine
Il vostro pezzo mancante. Cultura, Stile, Vita, Attualità, Relax e non solo.
         Direttore responsabile: Michele Traversa
Al meeting dell’Accademia Americana delle Scienze Forensi focus sulle procedure medico legali

28 Feb 2016 | Nessun Commento | 893 Visite
Di:
Print Friendly, PDF & Email

ml1E’ iniziato il 22 febbraio ed è proseguito per tutta la settimana il 68° meeting scientifico della Accademia Americana delle Scienze Forensi (www.aafs.org). Ad essere presenti oltre tremila esperti tra medici legali, antropologi, biologi, psicologi e odontologi forensi, provenienti dai vari Stati americani ma anche da oltre 70 Paesi, Italia compresa. Un’occasione annuale imperdibile per il confronto di esperienze maturate in casi giudiziari e in ricerche scientifiche attraverso la condivisione dei risultati. La indagini giudiziarie per assicurare i criminali alla Giustizia non sarebbero così efficaci senza il supporto degli strumenti e delle evidenze ottenute proprio dagli operatori delle scienze forensi, che possono rappresentare anche uno strumento di tutela e di protezione dei diritti umani. Basti pensare ai casi di violenza domestica, abuso sessuale, tortura e riconoscimento dei “corpi senza nome”, che, senza evidenze tecnico-forensi, resterebbero irrisolti.

Quest’anno l’esperto in odontologia forense Emilio Nuzzolese (Bari), unico odontoiatra italiano fellow dell’Accademia Americana AAFS, ha introdotto il gruppo di lavoro internazionale Odontologia Forense per i Diritti Umani (www.dentify.me), costituitosi lo scorso anno a Lione, proprio su proposta italiana durante il meeting Interpol sulle vittime dei disastri di massa. Il gruppo si è composto di odontoiatri e igienisti dentali volontari di diverse nazionalità, rappresentando Paesi come Regno Unito, Spagna, USA, Svezia, Australia, Brasile, Arabia Saudita e Cina. Obiettivo integrare gli accertamenti odontologico-forensi a quelli medicolegali normalmente effettuati nei casi di stima dell’età dei minori e di identificazione di resti umani e soggetti scomparsi. “La dignità di una persona – dice il professor Nuzzolese – non si esaurisce nella vita e non svanisce con la morte. Svolgendo da oltre 5 anni il ruolo di perito volontario per l’associazione Penelope,ml2 che segue le famiglie delle persone scomparse, devo purtroppo segnalare che spesso il medico legale ignora l’autopsia orale e la radiologia dentale determinando ingiustificati ritardi nel processo di riconoscimento e conseguente prolungamento della sofferenza della famiglia della persona scomparsa”. In altre parole l’incompleta valutazione post mortem durante l’autopsia,  deve essere considerata una violazione dei diritti umani in quanto comporta un prolungamento di questa condizione di incertezza e di lutto perenne oltre ad impedire la giusta sepoltura della salma nel rispetto del proprio credo religioso.

Nella sessione di odontologia forense del congresso a Las Vegas, gli odontoiatri Emilio Nuzzolese, Joe Adserias e Sakher AlQahtani (Italia, Spagna e Arabia Saudita), hanno presentato anche una proposta tecnica legata ai flussi migratori, che solo nel 2015 sono stati circa 1,5 milioni. Questo flusso inarrestabile – destinato inesorabilmente a crescere – pone importanti sfide tra cui anche quella di salute pubblica. Nei loro sforzi per individuare e trattenere le persone che viaggiano senza documenti, gli Stati hanno infatti bisogno di esercitare i loro diritti legittimi e la propria sovranità, al fine di mantenere il controllo dei propri confini e di garantire la sicurezza nazionale. “Il 99% dei migranti che sbarcano sulle coste italiane non hanno documenti e molti di loro si bruciano i polpastrelli per eliminare le impronte digitali. L’accertamento medico immediato potrebbe integrarsi con la visita odontoiatrica e la radiografia della bocca – aggiunge Nuzzolese – che permetterebbe la raccolta di preziose informazioni per l’identificazione e la stima dell’età per il più efficace controllo alle frontiere”.

La presentazione ha illustrato i numeri e i benefici di un approccio sanitario che tenga conto anche dell’assistenza odontoiatrica ai migranti. Non è causale che proprio nel ml3C.A.R.A. (Centro Accoglienza Richiedenti Asilo) di Bari-Palese è presente – fin dal 2010 – una poltrona odontoiatrica dell’associazione di volontariato SOPHI onlus (Solidarietà Odontoiatrica per l’Handicap e l’Infanzia).

“L’odontoiatria forense – spiega il professor Nuzzolese – in questi ultimi 15 anni si è evoluta notevolmente permettendo di raggiungere traguardi tecnici estremamente accurati ed affidabili, in vari ambiti come la stima dell’età dei minori, l’analisi di lesioni di morso umano e l’identificazione dei corpi senza nome. Basti pensare all’opportunità di effettuare rilievi radiologici digitali con strumenti portatili durante l’autopsia giudiziaria senza spostare la salma e con immagini precise e facilmente archiviabili. Ecco perché con la petizione n. 1113/2014 ho ritenuto urgente segnalare alla Commissione per le Petizioni dell’UE l’aggiornamento della raccomandazione (99)3 per armonizzare le procedure autoptiche dei corpi senza nome con la più giusta enfasi ai rilievi tecnici propri dell’odontoiatra con competenze nell’odontologia forense e nella identificazione delle vittime dei disastri di massa”.

 

.

Nessun commento ancora

Lascia un commento

CASHBACK WORLD
il mondo visto di traversa
per vie traverse
Sinestesie Mediterranee
LSD webradio
Coming Soon

LSD television
Coming Soon

per vie traverse
Per Informazioni
E-Mail: info@lessonnumper1.it

Categorie